Spiagge gay in Toscana

Come è risaputo, la Toscana rimane la meta prediletta in Italia per il turismo gay estivo. Sono tante le spiagge gay rinomate che potrete trovare in questa regione, a partire dalla ormai località storica di Torre del Lago, per espandersi in tante possibilità lungo tutta la costa, da nord a sud. Ripercorriamole assieme in ordine geografico, dalla meta più vicina alla Liguria a discendere.

Le spiagge di Torre del Lago

Lungomare di Viareggio

Torre del Lago (nome completo Torre del Lago Puccini) è una frazione di Viareggio, in Toscana. Così chiamata a causa di una torre costruita intorno al Cinquecento che si affacciava al Lago di Massaciuccoli. Il nome “Puccini” venne aggiunto soltanto nel 1938 in onore del compositore che qui visse e compose molti dei suoi spartiti. La sua residenza, Villa Puccini, è ad oggi meta di turisti da tutto il mondo. Più volte c’è stato il tentativo degli abitanti locali di rivendicare un’autonomia da Viareggio, rivendicazione che ha le sue radici nella differente storia culturale con quest’ultima, ma l’autonomia non si è mai concretizzata.

Proprio a causa della presenza del Festival Puccini, festival lirico in onore del compositore, fin dagli anni Sessanta Torre del Lago ha cominciato ad essere meta gay visto l’interesse che molti di essi avevano per la lirica, e la città si è sempre dimostrata ben disposta verso la condivisione di questi valori.

La svolta che incentivò definitivamente il turismo gay si ebbe nel 1998 con la creazione da parte di Alessio De Giorgi – allora presidente dell’Arcigay di Pisa – del progetto Friendly Versilia: un circuito volto alla promozione, all’organizzazione e all’intensificazione del turismo gay a Torre del Lago e Viareggio. Nonostante alcuni iniziali episodi di intolleranze verso l’iniziativa, la situazione diventa rapidamente tranquilla diventando anzi una delle principali fonti di sostegno economico per gli stessi abitanti.

Nel 2005 gli aderenti al progetto formano un Consorzio e nel giro di pochi anni sorgono numerose attività commerciali gay friedly come discoteche, bar, pub, bed and breakfast, una spiaggia dedicata.

Oggi Friendly Versilia porta a Torre del Lago circa centomila turisti dall’Italia e dall’estero principalmente nel periodo estivo. Da maggio a settembre si prevedono una serie di eventi friendly in cui spicca il Mardi Gras, legato al carnevale di Viareggio ma anche e soprattutto al richiamo verso un altro evento gay planetario come il Sidney Gay and Lesbian Mardi Gras. La prima edizione si è tenuta nel 1999 e da allora sono molti gli artisti che hanno calcato il palco nelle serate di spettacolo: Paola & Chiara, Dolcenera, Ambra Angiolini, Rita Gaynor, Village People, i ragazzi di Amici, Alessandra Amoroso, Margherita Hack.

Nei pressi del “Mamma mia”, locale gay friendly che affaccia sulla strada, si tiene una manifestazione dove ogni anno a fine agosto vengono eletti Mister Gay, Miss Trans e Miss Drag Queen.

La Lecciona è una spiaggia libera, potete raggiungerla uscendo da Torre del Lago seguendo i cartelli con la scritta “mare” ed è l’ultima spiaggia sulla destra percorrendo Viale Europa. Nei pressi di questa spiaggia troverete una pineta e delle dune dove poter appartarsi o fare incontri.

Se invece non volete rinunciare al comfort delle spiagge attrezzate, nessun problema. Vi basta spostarvi poco più in là presso il Mama Dune Beach, che da oltre un decennio è il primo lido privato che ha guardato con specifico interesse agli LGBT. La scelta per il relax è massima e va dal classico ombrellone e lettino fino ai più fashion gazebo dove stare in gruppo. Nell’aria risuoneranno note di tanta musica diversa: dal pop alla dance al commerciale, per divertirsi tutto il giorno. Per l’attività fisica ci sono moltissime possibilità: troverete infatti campi da caletto, beach volley e beach tennis, ed altre attività ricreative come la caccia al tesoro e il calcio balilla. È presente un servizio ristorante che offre piatti di ogni tipo, panini, frutta e dessert che potranno anche essere ordinati direttamente dall’ombrellone.

Le spiagge della riviera livornese

Poco più a sud di Livorno seguendo la strada per Rosignano sulla SS 1 Aurelia, troverete la spiaggia di Sassoscritto tra Livorno e Quercianella. Il parcheggio è posto poco distante dall’omonimo ristorante e il mare si raggiunge scendendo lungo una lunga scalinata che vi porterà su una scogliera frequentata da etero e gay.

Proseguendo la stessa SS 1 Aurelia raggiungerete poi la spiaggia in località San Vincenzo. Attraversate il borgo seguendo le frecce per Parco di Rimigliano e Piombino e percorrete per alcuni km Viale della Principessa in una lunga pineta. A 6 km da San Vincenzo troverete un casale ristrutturato dalla parte del mare, fermatevi e raggiungete il mare attraversando a piedi la pineta. Troverete una spiaggia cento metri più a sinistra con frequentazione mista gay ed etero e autorizzata anche al naturismo e si può stare nudi senza alcun problema. Nei pressi vi è anche possibilità di fare doccia a pochi spiccioli.

Le spiagge della riviera di Grosseto

La spiaggia delle Marze si trova a nord di Grosseto a circa 17 km di distanza. Si può trovare lungo la SS 322 delle Collecchie 5 km dopo Castiglione della Pescaia. La troverete tra la spiaggia per cani e quella del Campeggio Le Marze, presso il Fuori Rotta. Si tratta di una lunga spiaggia dotata di pineta e piste ciclabili, a frequentazione etero e gay.

Proseguendo verso sud, poco distante da Grosseto si trova la località Marina di Alberese. Per raggiungere la spiaggia è necessario attraversare il Parco Naturale dell’Uccellina con accesso in auto a pagamento oppure prendendo il bus che fa il servizio di spola. Una volta sulla spiaggia, seguite a vista verso la torre e raggiungerete la spiaggia gay.

Ancora più a sud, oltre Orbetello e quasi al confine con il Lazio, raggiungerete altre due spiagge vicinissime tra loro. La prima è una precisa spiaggia nei pressi di Capalbio, tra Macchiatonda e Chiarone sempre nel comune di Capalbio, al bivio dell’Aurelia al km 133,8. Raggiungerla non è semplicissio: arrivati a quel punto vedrete un casolare abbandonato e dei piccoli stabilimenti balneari assieme a spiaggia libera. Nei pressi troverete un parcheggio all’ombra a pagamento e un altro scoperto. Lasciate l’auto e proseguite verso sud camminando a piedi sulla costa per circa un quarto d’ora o poco più. Giungerete a questo punto all’Oasi del WWF riconoscibile da alcune tavole di legno nella sabbia e seguirà un tratto con poche persone frequentato da gay e naturisti.

La seconda è proprio la spiaggia del Chiarone. Si raggiunge proseguendo oltre Capalbio fino a Chiarone, fermatevi presso “L’ultima spiaggia” e una volta sulla riva camminate per un quarto d’ora verso nord. Troverete una spiaggia molto bella con acque chiare e trasparenti, premiata anche da Legambiente con le Vele Blu.

spiagge gay toscana 2

immagine in evidenza: La spiaggia di San Vincenzo (Livorno), foto flickr by AroundTuscany, licenza CC BY.

immagine 2: La spiaggia di Marina di Alberese (Grosseto), foto flickr by Roby Ferrari, licenza CC BY-SA.

 

Autore dell'articolo: Fabio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *